La Brezza, poesie e disegni per questo tempo sospeso a causa del Covid

L’emergenza sanitaria e sociale causata dal Covid-19 sta continuando a protrarsi ormai da diverse settimane, ma il Volontariato non si ferma. Tra le numerose Associazioni che continuano a mantenersi attive trovando nuovi modi di operare per proseguire nelle diverse attività, vi è anche La Brezza, una onlus nata nel 2001 come Associazione d’ascolto rivolta a persone sieropositive e operante presso l’ospedale Amedeo di Savoia. Associazione che dal 2003 inizia il suo cammino all’interno della Casa Circondariale di Torino “Lorusso e Cutugno”, proponendo inizialmente attività d’ascolto e in seguito realizzando, in collaborazione con la direzione e l’area trattamentale, alcuni laboratori di espressività artistica denominati “Arte espressione del Sé”, il cui fine comune è la promozione di interventi finalizzati a sensibilizzare il territorio nei confronti del mondo carcerario, per far sì che il grande divario esistente tra la società e il carcere possa essere, sia pure in parte, attenuato.

In questi giorni le due responsabili de La Brezza – Lucia Sartoris e Chanel Iyamu – hanno messo in moto in particolare due attività: un progetto a distanza finalizzato all’elaborazione di poesie e disegni e un progetto riguardante la musica classica: «Lavorando nel nostro contesto – spiega Chanel Iyamu – non possiamo fare molto in questo momento, se non cercare di lavorare su questo tempo sospeso. L’idea di far realizzare poesie e disegni da inviarci, in collaborazione con l’area trattamentale, è finalizzata a organizzare poi una mostra con tutte queste opere ricevute una volta che tutto sarà finito e ritornato alla normalità. Il progetto è partito un paio di settimane fa, speriamo possa aiutare in questo momento complesso. Inoltre abbiamo in essere un altro progetto insieme al Magazzino della Cultura e all’Associazione Insieme, un’Associazione di famigliari di pazienti psichiatrici e di cittadini sensibili alle tematiche del disagio psichico, per caricare in un unico contenitore tutta una serie di contributi di musica classica», per far sì che l’arte sia veicolo per un pensiero positivo in questi giorni di complessità generalizzata in tutti i settori della nostra società.

Top

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi