Falchi di Daffi – La “terapia dell’aria” per aiutare i bambini

La chiamano “terapia dell’aria”. Inventata dall’associazione di volontariato “Falchi di Daffi” (Difesa ambiente, foreste e fiumi d’Italia) mira alla promozione dell’attività di volo con particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione e bambini con patologie tumorali, gravi disabilità, disagi personali e familiari. Volare, insomma, diventa una medicina. Grazie alla collaborazione con diverse realtà associative che si occupano di disabilità, i volontari dei Falchi di Daffi (piloti, istruttori di volo e volontari a terra) organizzano in tutto sei giornate l’anno nelle quali i bambini provenienti da diversi reparti pediatrici del Piemonte in attesa del volo partecipano anche a un divertente laboratorio per costruire e colorare gli aeroplanini di legno e disegnare sul tema del volo prima di decollare verso il cielo.

E proprio domani è prevista una delle uscite organizzate dall’associazione nell’avio superficie di Montalto Dora, dove 25 bambini autistici e con sindrome di Down coinvolti grazie al contributo delle onlus Cepim e Raggio di Sole, a partire dalle 9 del mattino e per tutta la giornata proveranno di persona questa esperienza unica e coinvolgente. Da quando è nata l’associazione, 7 anni fa, sono stati oltre 1.300 bambini i piccoli aviatori che hanno spiccato il volo.

“Amiamo definire la nostra attività una “terapia dell’aria” che aiuta i bambini e le loro famiglie ad affrontare con maggiore energia le dure ed invasive cure a cui vengono sottoposti reagendo meglio grazie ai giochi ed alle forti emozioni che il volo regala” spiegano dall’associazione. “Crediamo fortemente in questo progetto e puntiamo costantemente ad ampliare le nostre attività e per questi motivi siamo sempre alla ricerca di nuovi volontari da inserire nel nostro organico, persone che abbiano voglia di dedicare poche giornate all’anno ad un bellissimo lavoro: donare un sorriso ai bambini meno fortunati”. Quella dei Falchi di Daffi è una realtà che collabora attivamente con diversi reparti di pediatria ed oncologici dei principali ospedali del territorio e con decine di associazioni che assistono i bambini con gravi patologie, oltre a essere sostenuta dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con la partecipazione della Regione Piemonte.

Top

Questo sito utilizza cookies per monitorarne l'attività e migliorarne la consultazione.
Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi